Il ruolo degli MSP fra complessità e collaborazione

Postato il Aggiornato il

home_563029
Il luogo più sicuro in un ciclone è il suo interno. Il ciclone tropicale per esempio è caratterizzato da venti fortissimi che superano spesso i 100 km/h, che aumentano verso l’interno in direzione del centro ma non convergono fino ad esso, divenendo tangenti ad un cerchio di diametro variabile tra 5 e 30 km chiamato occhio del ciclone, dove i venti sono deboli o addirittura regna la calma. (https://it.wikipedia.org/wiki/Ciclone).

Il vento dello sviluppo tecnologico è impetuoso, quasi non ha avuto cura della recessione economica.

Il numero di transistors su circuiti integrati raddoppia ogni anno, la densità dello storage duplica ogni 13 mesi. Il numero dei dati trasmettibili attraverso fibre ottiche raddoppia ogni nove mesi.

Betsy Burton, Viice president di Gartner nel presentare Hype Cycle for Emerging Technologies dedicato alla innovazione tecnologica ha dichiarato ” Quest’anno, incoraggiamo CIO e altri IT leaders a dedicare tempo ed energia alla innovazione, anziché all’incremento del business, per trarne ispirazione cercando oltre i confini della propria azienda”.

Il vento del cambiamento guidato dall’IT, information technology, stà ridisegnando l’organizzazione interna dell’impresa, le sue strategie, e piu in generale la struttura dell’industria. I Big Data non sono un fenomeno isolato : sono un esempio di quanto ampio e profondo è il trend di riqualificazione del business in generale.

Oggi i CIO delle aziende e i reparti IT rischiano di essere travolti, da questa somma di esigenze che giungono dall’interno e dalle sollecitazioni dei vendors.

La necessità di porre grande attenzione alle strategie aziendali ha aperto uno spazio molto grande agli MSP, un tempo chiamati a sistemare ed installare le nuove soluzioni, ( Break and FIx model) con il timore magari di essere richiamati quando qualcosa non andava. Successivamente gli MSP hanno negoziato con le Aziende un ruolo piu ampio di servizio, ed oggi si candidano per un ruolo più strategico, assumendo responsabilità dirette nelle scelte strategiche delle aziende stesse, mettendo più enfasi nel loro ruolo di Partner specializzato della Impresa, pur se, e le ricerche in merito lo testimoniano, deve tenere nel dovuto conto le esigenze primarie dell’IT, che denuncia attraverso vari survey una certa dissonanza e non armonia fra il ruolo primario di servizio che l’MSP svolge e il suo candidarsi a una pià ampia attività di consulenza.

In pratica l’MSP deve sempre ricordare quale porta gli è stata aperta e da chi per entrare nelle aziende clienti.

Uno dei terreni più complessi è al solito quello della sicurezza. Su questo l’MSP può trovare una prima sponda per qualificarsi come partner, per esprimere il proprio commitment allle sorti dell’azienda cliente. Un commitment in cui si dica chiaramente  che il software da solo non basta e che deve bisogna porre al primo posto attività di training, considerato che il 95% delle perdite dei dati nelle aziende è dovuto ad errori umani.

Anche nel mondo dell’SMB, porsi come i semplici fornitori di antivirus, firewall, e patching non vuol dire essere interlocutori di sicurezza, non vuol dire essere partner di una industria chiamata a una forte competizione tecnologica e strategica, necessariamente aperta verso l’universo mondo e per questo particolarmente esposta.

Un esempio il BYOD: l’uso dei device personali per fini aziendali è uso comune anche nella SMB, verifichiamo  che alcune regole di base siano seguite :

* Separare l’uso dei device per motivi professionali dal suo uso per motivi personali

* Limitare la circolazione delle informazioni a ristretti gruppi necessari e affidabili

* Ridurre i rischi di perdita dati attraverso la cifratura dei dai piu sensibili

* Garantire che i device siano sempre protetti da password

Compito dell’MSP in generale è annullare la distanza esistente fra essere fornitore di servizi ed essere autentico partner che assume in proprio responsabilità sui rischi della impresa cliente, sotto il segno della collaborazione e condivisione, al passo con le nuove tecnologie.

Giovanni Zanasca – Marketing Nut

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...