Ricordati di fare il Backup! Si..Si.. mo me lo segno…

Postato il Aggiornato il

Sarà capitato anche a voi di avere un cliente disperato, perchè anche lui dopo aver smanettato con la posta elettronica, ha beccato l’ultima variante di Cryptolocker.

Non entriamo nel merito di come evitare questo dipo di infezioni (ne ho già parlato in un precedente articolo), ma almeno dobbiamo essere sicuri di avere un “salvagente” nella malaugurata ipotesi di trovarci in questa situazione.

Il cliente ci aveva assicurato:

“Tranquillo, al backup ci penso io…”

Peccato che, come spesso accade quando lasciamo fare le cose ad “altri”, qualcosa alla fine vada storto… Ecco perchè diventa di primaria importanza la necessità di utilizzare, oserei dire imporre, l’adozione di soluzioni di disaster recovery gestite per i propri clienti.

Parliamoci chiaro, quando si verificherà un problema, comunque vada la colpa sarà sempre e solo la vostra, giusto?

Perchè allora non affidarci fin da subito a soluzioni che, come MSP Backup & Recovery (Solarwinds MSP), permettono di automatizzare i processi di copia e verifica dei salvataggi introducendo il concetto di “Reactive Security”.

E’ grazie a misure di monitoraggio proattivo e prevenzione multilivello che si riesce a neutralizzare la maggior parte delle minacce in circolazione. Per completare la strategia di sicurezza, però, è fondamentale avere la possibilità di ripristinare rapidamente i sistemi dopo una minaccia o disastro.

Di seguito elenco solo alcuni dei punti forza della soluzione:

  • Backup e ripristini rapidi che consentono la ripartenza dei sistemi in soli 5 minuti.
  • Repliche locali che aiutano il ripristino dei dati anche in caso di problemi di connettività. La funzionalità Local Speed Vault riduce al minimo la perdita di dati consentendo di eseguire il backup a “velocità LAN“, pur mantenedno la ridondanza su cloud.
  • Ripristini continui su server virtuali in modo da garantire la continuità del business a seguito di un attacco su server fisici/virtuali e workstation.
  • Crittografia AES a 128 bit, AES a 256 bit o Blowfish a 448 bit
  • Ripristino dei dati ibrido su diversa configurazione hardware, Microsoft Azure, Amazon Web Services o Cloud privato.

Provare per credere! MSP Backup & Recovery

07b4cb7
Luca Piccini
Senior Sales Engineer Cloud& Security Product Manager
Cips Informatica

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...